Frutti che sicuramente non hai mai mangiato nella tua vita!

 

In giro per il mondo esistono frutti strani di cui noi non abbiamo neanche conoscenza ma che sono alimenti comuni per altre culture! Abbiamo fatto una ricerca per voi… ed ecco qua una lista bella succosa di frutti etnici che potrete usare nella vostra prossima conversazione per far finta di esser dei grandi viaggiatori…comodamente seduti sulla vostra sedia!

Incominciamo!

Cherimoya (Graviola)

Questo strano frutto che all’esterno è un mix tra un carciofino e una pigna verde all’interno presenta una polpa candida dal gusto sorprendente. Infatti viene anche chiamato “custard apple” e in effetti sia la consistenza liscia che il sapore ricordano la crema pasticcera. Quando il frutto è maturo inoltre, si possono riconoscere dei sentori di ananas e banana.

Pomelo

In Genovese viene chiamato sciadocco, da l nome del capitano Shaddock che lo diffuse in Europa ed è un frutto proveniente del sud est asiatico che, insieme al mandarino e al cedro, fa parte degli agrumi originari dai quali sono nate tutte le diverse specie di agrumi che conosciamo oggi compresi arance e limoni. Questo frutto di grandi dimensioni ha una pelle molto spessa che lascia il posto a una polpa fresca e agrumata, dal sapore simile al pompelmo ma più dolce.

Jabuticaba

Questo frutto ha la dimensione simile a quella di una prugna ma il suo sapore è simile all’uva, infatti la sua pianta viene anche chiamata Albero Brasiliano dell’Uva ed è un frutto unico per le sue strane abitudini di crescita. A differenza della maggior parte della frutta la jabuticaba cresce direttamente sul tronco e sui rami dell’albero di Jabuticaba. Il frutto può essere raccolto e consumato crudo, trasformato in gelatina o fermentato per produrre vino.

Kiwano melon

Viene coltivato in Sudafrica, ma a causa della sua forma molto particolare sembra provenire direttamente dallo spazio! E in effetti fece un’apparizione nel film Star Trek. Viene anche chiamato “Melone Cornuto” per via delle sporgenze presenti sulla buccia esterna gialla e tozza. La polpasi presenta verde brillante, di consistenza simile a una gelatina, con semi commestibili. Il frutto ha un sapore agrumato che alcuni paragonano a un mix di cetrioli, lime e banana.

Mapo

Questo frutto originario delle zone climatiche calde e subtropicali, presenta esternamente una buccia verde e sottile e all’interno è ricco di polpa arancione e succosa. Il sapore è un incrocio tra l’aspro del pompelmo e le noti dolci del mandarino. Anche se ad un primo impatto non ha aspetto molto invitante (in inglese viene chiamato “Ugly fruit”) il sapore è ottimo e si presta anche alla preparazione di squisiti succhi di frutta!

Frutto del Drago

Questo frutto, chiamato anche Pitaya, è facilmente riconoscibile grazie alla sua buccia fucsia dalla quale spuntano delle scaglie di colore verde brillante. Fortunatamente non sono necessarie particolari abilità per aprirlo, e una volta tagliato a metà è possibile mangiare la sua polpa con un cucchiaino! Il sapore ricorda quello di pera e la polpa bianca è intervallata da tantissimi semini di colore nero che ricordano il kiwi. Ottima fonte di fibre e vitamina C.

Durian, “Frutto Spinoso”

Assaggiare questo frutto può davvero essere un’esperienza che vale la pena di fare almeno una volta nella vita. Se in apparenza presenta una superficie piuttosto spinosa, quindi poco invitante, non è questa la cosa peggiore. Il “Re dei frutti”, appellativo che si è guadagnato presso le popolazioni locali, ha, in alcuni casi, in base alla specie di appartenenza, l’odore molto pungente. L’odore è così ripugnante tanto che a Singapore, in Malesia e in Thailandia le autorità hanno esplicitamente vietato di introdurre i durian sui mezzi di trasporto pubblici! Ma per coloro che osano, la ricompensa è un frutto cremoso, il sapore è simile alla  crema pasticcera e spesso viene associato ad altri sapori quali la vaniglia, la banana o addirittura la cipolla!

Salak, Salacca zalacca

Il frutto Salak, noto anche come il frutto del serpente, proviene da una specie di palma originaria dell’Indonesia. Questi frutti crescono alla base delle foglie di palma e hanno ottenuto il nome “ Frutto del Serpente” per via dell’aspetto della loro buccia, marrone scura e squamosa. La pelle viene facilmente rimossa e all’interno ci sono 3 parti bianche e dolci che contengono ciascuna un grande seme nero non commestibile. Il sapore del frutto è leggermente acido ma generalmente dolce e la consistenza è quella delle mele.

Sugar Apple, Annona squamosa

Sugar Apples o Sweetsop, è originaria delle Americhe tropicali, ma è anche ampiamente coltivata in Pakistan, India e Filippine. Il frutto assomiglia un po’ a una pigna o ad un carciofo e ha un diametro di circa 10 cm. Sotto la buccia dura e grumosa, la polpa del frutto è fragrante e biancastra e contiene diversi semi al suo interno e ha un leggero sapore di crema pasticcera.

Frutto del Pane

L’albero del pane è un grande albero, appartenente alla famiglia dei gelsi, originario delle Filippine e di tutte le isole del sud-est asiatico. I frutti, ricchi di carboidrati, vengono consumati generalmente cotti, ma in alcuni casi, in base alla specie di appartenenza sono apprezzati anche crudi. I frutti dell’albero del pane e di altre specie della famiglia Artocarpus a causa dell’alto contenuto di amidi, sono infatti completamente indigesti e purganti allo stato crudo. Il frutto maturo è morbido e dolce, mentre il frutto acerbo è più duro e amidaceo, da cui deriva il nome di pane dell’albero, dal momento che ha un sapore simile al pane appena cotto al momento della cottura.